incidente simone dantonio

 

La terribile tragedia che giovedì sera ha sconvolto Vittoria, uccidendo due bambini innocenti, mette oggi l’intera città dinanzi ad un nuovo momento di commozione e di partecipazione per quel riscatto morale e quella partecipazione di cui in tanti avvertono un grande bisogno. Oggi pomeriggio, nella Chiesa di San Giovanni Battista, alle 16 saranno celebrati i funerali di Simone D’Antonio, il bambino di 12 anni, morto domenica scorsa al Policlinico di Messina dove lottava disperatamente per la vita. Il suo corpicino, come quello del cuginetto Alessio, 11 anni, morto all’istante, era stato devastato dal suv piombato su di loro, alle 21.30 di giovedì, mentre erano fermi sul marciapiede dinanzi all’uscio di casa. Il suv era guidato da Rosario Greco, 37 anni, che prima di mettersi al volante aveva assunto cocaina e bevande alcoliche, al punto che il tasso alcolemico è risultato quattro volte superiore. L’uomo è ancora in carcere, dopo l’interrogatorio di garanzia al quale è stato sottoposto lunedì dal giudice delle indagini preliminari Andrea Reale. Un’intensa partecipazione si annuncia oggi ai funerali che, come quelli di domenica, saranno celebrati dal vescovo Carmelo Cuttitta. Confermata la presenza del vice presidente del consiglio dei ministri Luigi Di Maio che sarà affiancato dal vice presidente dell’assemblea regionale siciliana Giancarlo Cancelleri. Sospesa nel pomeriggio l’attività dell’assemblea per consentire ad altri deputati di essere presenti. La speranza e l’auspicio di tutti è che queste presenze e le altre di esponenti delle istituzioni e del mondo politico non si esauriscono in un effetto passarella. La città vive un momento drammatico e nell’autentica commozione e nel dolore per queste due piccole vittime innocenti vuole trovare la forza per alzare la voce e battersi per un futuro diverso. Ecco le parole della dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, domenica scorsa, nella stessa chiesa, durante l’ultimo saluto ad Alessio

Pin It