si-da-fuoco.jpg

 

Forse motivi di contrasto sulle rispettive proprietà confinanti alla base di un litigio sfociato poi in un gravissimo gesto criminale. Uno dei due all’improvviso tira fuori una bottiglietta di benzina, gliela versa addosso e dà fuoco all’esterrefatto interlocutore: i soccorsi, tempestivi, hanno scongiurato il peggio per un uomo di circa 30 anni, che ha riportato gravi ustioni su buona parte del corpo e si trova ora ricoverato nel centro grandi ustioni di Catania. I fatti sono accaduti a Vittoria, in contrada Bonincontro. I due avevano avviato un’accesa discussione poi degenerata: dalle urla e dalle minacce uno dei due è passato alle vie di fatto, dando fuoco all’avversario con la benzina e un accendino. Alla scena avrebbero assistito alcuni testimoni, che si sarebbero subito prodigati nel prestare i primi soccorsi alla vittima, mentre l’aggressore si sarebbe allontanato. Tutti questi aspetti della concitata vicenda, sulla quale vige al momento il massimo riserbo, sono al vaglio degli investigatori, che stanno ricostruendo l’accaduto nei minimi dettagli. La vittima è stata subito trasportata in codice rosso all’ospedale “Guzzardi” di Vittoria, dove i medici non hanno potuto fare altro che prendere atto della gravità delle ustioni riportate su circa il 50% del corpo, in particolare dorso e braccia, prestando le prime cure e disponendo l’immediato trasferimento nel centro grandi ustioni del Cannizzaro di Catania. L’uomo si trova ricoverato in prognosi riservata. Al vaglio degli inquirenti le testimonianze di quanti, attirati dalle urla, hanno visto la scena. L’aggressore è stato identificato.

Pin It