BAPR

 

Una manifestazione pacifica, ordinata, mai chiassosa. Ma i piccoli azionisti-risparmiatori della Banca Agricola popolare di Ragusa sono apparsi decisi e determinati ad andare fino in fondo. Vogliono chiarezza. Pretendono di sapere quale sia la condizione dei loro risparmi che hanno affidato all’istituto nella forma di acquisto di azioni. E oggi chi ha bisogno di venderle non può. Intanto i vertici della banca agricola sono stati convocati da Bankitalia. Sarà questa l’occasione anche per un chiarimento sulla possibilità dell’istituto di riacquistare le azioni. E ieri la Prefettura ha aperto un tavolo di confronto. Ma l’oggetto è solo una corsia preferenziale per quei risparmiatori che per problemi di salute o familiari hanno bisogno urgente di recuperare quelle somme.

Pin It