gredregregrcfxc v

 

Uno ha solo 16 anni, l'altro 21. Entrambi senegalesi, sono stati fermati dalla polizia perché ritenuti gli scafisti dello sbarco avvenuto ieri alle 15.30 a Pozzallo. Secondo i testimoni sono loro che hanno condotto l’imbarcazione partita dalle coste libiche. I due sono accusati in concorso con altre persone presenti in Libia, dell'ingresso clandestino nel territorio dello Stato di 62 migranti. Con l'aggravante, prevista dalla normativa specifica, di aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; e di aver esposto i migranti a pericolo per la loro vita e incolumità, e per averle sottoposte a trattamento inumano e degradante.   L’imbarcazione, si trovava in acque Sar maltesi e navigava verso l’Italia quando per un’avaria ad uno dei tubolari del natante che si era afflosciato imbarcava acqua costringendo così i due scafisti a chiedere i soccorsi. Tutti sono stati aiutati dal personale del rimorchiatore “Asso 25" che era il più vicino rispetto al punto di mare segnalato. Dopo aver fatto salire a bordo i 62 migranti (tra cui 2 donne) provenienti dal Senegal, Sudan, Costa D’Avorio, Nigeria e Gambia il mercantile ha fatto rotta verso il porto di Pozzallo. I migranti sono stati ospitati nell'hot spot di Pozzallo, quindi visitati e identificati. Due sono stati ricoverati in ospedale per patologie non gravi. I migranti hanno dichiarato di essere partiti dalle coste libiche e di aver pagato in media 1.500 euro ciascuno. Gli scafisti non hanno dato loro da mangiare, nè acqua durante la traversata durata oltre 60 ore: solo un pezzo di pane e formaggio prima della partenza. La loro permanenza nella connection house libica è durata molti mesi. Agli organizzatori secondo quanto affermato dai testimoni sono andati 90 mila euro. Dopo gli accertamenti sull’identità, l'indagato 21nne è stato condotto in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre il minore è stato portato nel centro di prima accoglienza di Catania a disposizione della procura del tribunale per i minori. Quello di ieri è il primo sbarco del 2019 a Pozzallo. Lo scorso anno le persone sottoposte a fermo sono state 38 su circa 3800 migranti giunti clandestinamente a Pozzallo. 

Pin It