Camilleri_Zingaretti.jpg

 

Da Scicli e dalla Vigata televisiva, a Porto Empedocle, il 94° compleanno di Andrea Camilleri è diventato un omaggio ed un saluto allo scrittore scomparso a luglio scorso. Poche settimane prima che venisse a mancare anche Alberto Sironi, il regista di tutti gli episodi della fortunatissima serie del commissario Montalbano nata dalla penna di Camilleri. Ieri sera a Scicli nello scenario barocco protagonista della fiction e dinanzi al palazzo comunale divenuto per tutti la sede del commissariato di polizia, reading letterario “Omaggio a Camilleri” per iniziativa della cooperativa Agire. Diversi artisti si sono alternati in una toccante lettura dei testi più significativi di Camilleri. Esposte anche alcune delle frasi più celebri dello scrittore. A Porto Empedocle invece è in corso una tre giorni nel parco ferroviario. Ieri, giornata in cui Camilleri avrebbe compiuto 94 anni, un treno storico è partito da Agrigento alla volta del parco. Oggi e domani numerose iniziative con treni storici da Catania e da Palermo alla volta della Vigata originaria, quella descritta da Camilleri nei suoi romanzi e che corrisponde ai luoghi della sua infanzia e adolescenza: Porto Empedocle, appunto. Ma furono poi, insieme, lo stesso Camilleri e Sironi a scegliere il barocco ibleo per la trasposizione cinematografica. E dopo 21 anni di produzioni e di successi, nello scenario di questo barocco, tra Ragusa Ibla, Modica e Scicli, la doppia scomparsa lascia un vuoto.

Pin It