marina-di-acate-serre-2-800x500_c-780x405.jpg

 

Nelle immagini catturate da Riccardo Zingaro, vice coordinatore provinciale delle guardie zoofile dell’OIPA, un'aggressione all'ecosistema senza precedenti.

Siamo alla foce del fiume Dirillo dove ci sono tonnellate di spazzatura riversate sui sentieri che costeggiano le dune, fin dentro l’arenile, a pochi metri dal mare.

Per una lunghezza tale che, da certe posizioni, lo scempio sembra esaurire la vista in questo paesaggio continuamente aggredito e violentato. Tante persone incivili hanno prodotto questo perenne delitto contro la natura, l’ambiente, la salute dell’uomo e degli altri esseri viventi.

Ma possibile che le autorità e gli organismi preposti non riescano a far nulla?

La vicenda è stata denunciata  fin dal primo episodio da Riccardo Zingaro, attivista dei diritti della natura, dell’ambiente,  della salute e degli animali. Che ha cercato di suscitare una rete civica di vigilanza e di solidarietà emotiva che facesse leva sui sentimenti. L’intenzione è quella di costituire un comitato cittadino per la difesa e la valorizzazione di marina di Acate, dove ogni cittadino potraà essere controllore del territorio segnalando ogni forma di degrado.

INTERVISTA --> https://www.youtube.com/watch?v=bmCyB-y8MpE

Pin It