Operazione Stella Cadente

 

Arresti anche in provincia di Ragusa nell’ambito della vasta operazione dei carabinieri avvenuta all’alba nel quartiere San Cristofaro di Catania. E’ la retata denominata "Stella Cadente": oltre 150 militari del Comando Provinciale di Catania sono stati impegnati nell'esecuzione di 37 arresti. Il provvedimento emesso dal Gip di Catania, ha riguardato anche le province di Caltanissetta e Ragusa. Gli indagati a vario titolo sono accusati di associazione finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Si aggirava intorno agli 11 mila euro al giorno, secondo quanto accertato dagli investigatori, la stima del volume di affari illeciti della banda Le vendite di droga erano attive sin dal primo pomeriggio e proseguivano fino alle prime ore del mattino seguente. Tre degli arrestati sono minori. E il procuratore delle Repubblica per i minori di Catania, Caterina Aiello ha lanciato un appello: «La terza operazione che si fa in sette anni nel quartiere testimonia in maniera evidente l'inadeguatezza dell’attività giudiziaria. Non vorrei che da domani, dopo gli arresti, tutto tornasse come prima.  E’ fondamentale l’intervento di iniziative sociali e di prevenzione che devono essere svolte a tutti i livelli>>. È stata azzerata un'organizzazione criminale che avrebbe gestito la vendita al minuto di droga nella zona che fino al gennaio 2017 è stata controllata dai Nizza, appartenenti al gruppo mafioso dei Santapaola. Il nome dell'operazione 'Stella Cadente' suggerisce che la storica roccaforte di Cosa nostra a cui si fa riferimento è quella della zona di via Stella Polare, nel cuore di San Cristoforo, dove i fratelli Daniele e Salvatore Nizza hanno le loro abitazioni.

fShare
22
Pin It