123917503-c0b3edde-f979-4f54-b380-49133801b6b3.jpg

 

Liliana Segre è una donna, di 89 anni, sopravvissuta all’Olocausto. Reduce dai campi di sterminio, è stata nominata, nel gennaio del 2018, Senatrice a vita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Senatrice Segre è conosciuta da tutti noi (e dalle nuove generazioni) quale testimone vivente di uno degli episodi più drammatici, criminali e antiumani della storia europea del Novecento e per il suo quotidiano impegno a ribadire l'importanza della conoscenza e della memoria di ciò che è stato. Dalla fine della Seconda guerra mondiale più volte abbiamo detto «mai più», ma poi abbiamo assistito sostanzialmente inermi a tragedie enormi, fino ad arrivare al dramma dei migranti in merito al quale la stessa Senatrice Segre ha più volte ha ricordato di essere stata anch’essa clandestina e richiedente asilo (che poi le fu negato a causa del suo successivo arresto). Anche nel nostro paese intolleranza, odio e indifferenza sono sentimenti sempre più diffusi, le stesse polemiche che hanno accompagnato la proposta della Senatrice di istituire una Commissione parlamentare “per il contrasto ai fenomeni dell’intolleranza, del razzismo, dell’antisemitismo e dell’istigazione all’odio e alla violenza” hanno suscitato reazioni così pericolose che si è ritenuto necessario assegnarle una scorta. Come ha detto Primo Levi: «Ciò che è accaduto, può accadere ancora». E quindi tutti quanti siamo chiamati, come ci ricorda la Senatrice Segre, a lottare ogni giorno affinché certe tragedie non accadano mai più. L'indifferenza, che oggi come allora rischia di metterci davanti a violazioni dei diritti umani nel silenzio delle nostre comunità, non abbia mai il sopravvento rispetto ad un mondo basato sul rispetto, sul dialogo e sulla pace tra i popoli. Comiso è una città solidale ed ha una grande tradizione di accoglienza e di tolleranza, un percorso costante che non si è mai interrotto dalla caduta del fascismo ai giorni nostri dimostrando quella apertura che, nonostante i periodi bui, le ha permesso di rinascere più forte e più libera. Per questi motivi i consiglieri comunali Gigi Bellassai, Filippo Spataro, Fabio Fianchino, chiedono al Sindaco e alla Giunta di avviare la procedura per il conferimento della cittadinanza onoraria del Comune di Comiso alla Senatrice a vita Liliana Segre, testimone sopravvissuta alle persecuzioni nazi-fasciste e oggi esempio di impegno civile coraggioso e indefesso.

Pin It