bella

 

Non entra nel merito, ma provvede il sindaco di Modica. Il segretario generale del Comune non è più il responsabile anticorruzione dell’ente. Può un pluri-imputato assolvere credibilmente a questa funzione? Certo che no, ma ci voleva una denuncia giornalistica perché Abbate scoprisse l’opportunità di un gesto così gravemente tardivo?
Come già segnalato da la prima Tv Giampiero Bella è destinatario non di uno, ma addirittura due rinvii a giudizio per due procedimenti distinti: uno, ricevuto nel 2016, è relativo ad una inchiesta per falso in bilancio che riguarda il comune di Ispica dove Bella è stato Segretario Comunale. In quell'inchiesta sono 11 gli imputati, tra questi anche l'ex sindaco Piero Rustico. Il secondo rinvio a giudizio è scaturito dall'inchiesta sulle fatture gonfiate inviate dal Comune di Pozzallo alla prefettura e concernenti le spese per gli ospiti dell'hotspot. Bella dovrà difendersi dalle accuse di truffa aggravata, frode nelle forniture pubbliche, falso ideologico, abuso d'ufficio aggravato, tutti reati che secondo l'accusa sarebbero stati perpetrati in concorso.
Due processi quindi non recentissimi e ben noti alla pubblica opinione, non solo agli addetti ai lavori.
Come è stato possibile che il Comune di Modica facesse finta di niente fino a quando non è stato costretto?
Abbiamo posto le domande sia al sindaco Abbate che al diretto interessato. Senza averne alcuna risposta.
Importante accertare da quando Abbate sia a conoscenza di ognuno dei due processi a carico del burocrate che ha scelto come segretario generale e come responsabile anticorruzione. Ed anche se Bella abbia tempestivamente comunicato prima la propria posizione di indagato e poi di imputato nei due procedimenti.
Peraltro il segretario generale ha percepito un’indennità aggiuntiva di 10 mila euro proprio per espletare il suo ruolo di lotta alla corruzione all’interno del Comune. Pagato insomma per controllare … innanzitutto se stesso.

Pin It