100805 puntasecca rid 31

 

Assolto in via definitiva il 18 aprile scorso, Giovanni Cabibbo e i suoi legali preannunciano l’avvio di richiesta di indennizzo per ingiusta detenzione.
L’uomo, infatti, tra domiciliari e carcere ha scontato ingiustamente la sua pena per 3 anni. Arrestato il 3 settembre 2012 con l’accusa di aver sparato contro un locale di Punta Secca e due aziende del Ragusano con un Kalashnikov. Le supposizioni sull’uomo, incensurato, erano incentrate su un ipotetico collegamento ad attività di intermediazione e di esazione nel recupero crediti. Ma la Corte di Cassazione ha rilevato “incongruenze e illogicità”. Ancora oggi non è stato trovato un colpevole né un movente e tanto meno l’arma. Secondo l’accusa chi ha sparato avrebbe agito in concorso con un’altra persona, alla guida di un’auto per allontanarsi velocemente. A questo punto la Procura della Repubblica potrebbe riaprire il caso.

 

 

fShare
0
Pin It